Intervista al patron viola, Rocco Commisso: “Non farò come Mister Li, che in poco tempo ha fatto crescere le perdite e alla fine ha perso la società”.

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, ha fatto anche dei riferimenti al Milan. “Ho portato in Italia investimenti importanti della mia famiglia – ha dichiarato – ho il 100% della società viola. Non come i presidenti di Inter, Milan, Roma e Lazio che ricevono contributi anche da altri investitori. Gli stessi Agnelli, se non sbaglio, che tramite Exor controllano la Juve, sono proprietari di non più del 35 per cento del valore del club bianconero. Io rischio i miei soldi e non per una quota”.

Krunic Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

“In dieci mesi – ha aggiunto il patron viola – ho investito 170 milioni per acquisire il club, oltre 90 milioni per le due campagne acquisti, 70 milioni per il centro sportivo e in più si è alzato notevolmente il monte stipendi. Il nostro punto di forza è Mediacom. Solidissima anche in un momento di forte crisi come questa. Chiuderemo anche questo trimestre in attivo, novantatré trimestri in crescita consecutivi. Credo che nessuna grande azienda italiana possa vantare un simile risultato. Di sicuro non farò come il Milan di Mister Li che nello spazio di poco tempo ha fatto crescere le perdite e alla fine ha perso la società”.

TAG:
Fiorentina Rocco Commisso Yonghong Li

ultimo aggiornamento: 26-04-2020


Milan, Emerson obiettivo per la fascia destra

Ag. Kessié: “Il suo futuro è al Milan”