Intervistato dalla Gazzetta, Carlo Ancelotti ha speso parole d’amore per il suo Milan. E ha elogiato anche Pioli e Ibrahimovic.

Alla vigilia del derby di Milano, La Gazzetta dello Sport ha intervistato l’ex tecnico rossonero Carlo Ancelotti. “Il Milan sta bene – ha dichiarato – Pioli e Maldini hanno svolto un lavoro eccezionale negli ultimi sei mesi. L’Inter si è rinforzata in estate: può interrompere l’egemonia della Juventus. In generale, mi pare la serie A più incerta dell’ultimo decennio. Per chi tiferò? Da bambino ero interista perché rimasi incantato dallo squadrone di Helenio Herrera. Mi regalarono una maglia di Sandro Mazzola, a quei tempi queste cose erano una rarità. Il Milan è però il club che ha segnato la mia vita: prima giocatore e poi allenatore”. 

Ibrahimovic
Nella foto: Zlatan Ibrahimovic

Una considerazione anche su Ibrahimovic e Pioli: “Ibra è Ibra. Quando trovi un calciatore come lui, fai bingo. Le motivazioni e l’orgoglio sono sempre state la sua forza, ma in assoluto Ibra è un signor professionista. Stefano è una persona di valore, come uomo e come professionista. Il curriculum parla chiaro: ha ottenuto risultati eccellenti in tutte le squadre che ha guidato”. 

TAG:
Carlo Ancelotti Ibrahimovic

ultimo aggiornamento: 16-10-2020


Milan, rassegna stampa: meno uno al derby

Milan, Castillejo o Brahim Diaz? Ecco il dubbio di Pioli