Calhanoglu: "Virus? Non ho paura. Rangnick? Rispetto lui e Pioli"

Calhanoglu: “Virus? Non ho paura. Rangnick? Rispetto lui e Pioli”

Intervista al giocatore rossonero: “Speriamo di tornare a presto a giocare perché il calcio è la nostra vita”, ha dichiarato Calhanoglu.

Il centrocampista rossonero, Hakan Calhanoglu, è stato intervistato da Sky Sport. Ecco le sue dichiarazioni: “Coronavirus? Adesso ho meno paura, ma non ne avevo anche quando è arrivato il virus. Se ti deve prendere ti prende. Spero che potremo ripartire a giocare perché il calcio è la nostra vita. Gli allenamenti così non sono il massimo. Mi mancano quelli di gruppo e mi mancano i compagni, i miei amici. Seguiamo le notizie tutti i giorni ma cambiano sempre di settimana in settimana, così mentalmente è difficile per noi”.

Nel corso dell’intervista, il dieci milanista ha parlato anche di Rangnick: “Lo conosco attraverso alcuni miei compagni che lo hanno avuto come allenatore. Se arriva o no non dipende da me. Io rispetto tutti, sia lui che Pioli. Mi piacciono entrambi. Gli obiettivi? Conquistare l’Europa League e la Coppa Italia. Vogliamo fare bene in entrambe le competizioni”.

Milan-Torino Brescia-Milan Calhanoglu Milan Atalanta-Milan

Calhanoglu è intervenuto anche in diretta su Instagram con Ertem Şener, noto telecronista turco, parlando del suo rapporto con Gennaro Gattuso: “Il mister è sincero e ambizioso. La gente pensa che sia una persona aggressiva e sempre arrabbiata, ma non è così: la sua è passione per il calcio. È un grande motivatore, ci sentiamo spesso. Tra di noi c’è stima reciproca, lui mi ha dato sempre fiducia anche nei momenti più difficili, è uno degli allenatori con cui mi sono trovato meglio. In allenamento ci chiedeva di dare sempre il 100%, di concentrarci solo su quello che bisognava fare in campo. Ci diceva che se non ci avesse visto concentrati ci avrebbe mandati via. Per lui ogni giocatore era uguale all’altro, non faceva distinzioni. Parlavamo sempre faccia a faccia. Era molto bravo a motivarci, prima delle partite ci faceva dei discorsi che mi facevano venire sempre la pelle d’oca”.

Aggiornato il: 23-05-2020