Il giocatore San Paolo-RS, William Ribeiro, è accusato di tentato omicidio per aver aggredito violentemente il direttore di gara.

Ha colpito con violenza l’arbitro e adesso potrebbe finire in carcere. William Ribeiro, il giocatore che ha rifilato un calcio in testa al direttore di gara nel corso del match della seconda serie brasiliana tra San Paolo-RS e Guarani de Venancio, rischia un massimo di 30 anni di reclusione. Il magistrato che si sta occupando del caso, infatti, ha confermato l’accusa di tentato omicidio per il calciatore. Il malcapitato arbitro, Rodrigo Crivellaro, ha riportato una commozione cerebrale con lesioni alla spina dorsale e alla testa: il presidente del San Paolo di Rio Grande, Goulart Pereira, si è scusato con il fischietto, definendo l’episodio “il più triste della storia del club”.

ultimo aggiornamento: 07-10-2021


Rinnovo Romagnoli, Laudisa: “Trattativa partita grazie alla volontà del giocatore”

Conferme dalla Spagna: il Milan punta Umtiti