Braida: "Ho il Milan nel cuore. Ritorno in rossonero? Vediamo"

Milan, senti Braida: “Rossoneri nel mio cuore. Ritorno? Vediamo”

Clamorose dichiarazioni dell’ex direttore sportivo rossonero Ariedo Braida: “Resto fiducioso: vediamo se il Milan potrà essere il mio futuro”.

E se Ariedo Braida, storico ex dirigente rossonero, tornasse proprio al Milan? Lui, a quanto pare, ci spera. “Il Milan ce l’ho nel cuore – ha dichiarato ai microfoni di Calciomercato.com – e mi fa piacere che amici come Fabio Capello e Oscar Damiani mi accostino ancor oggi a quella società. Ma non mi piace dire di più, mi sembrerebbe di tradire il mio carattere friulano e quella discrezione che lo caratterizza. Diciamo che il Milan è una bella porta dalla quale farebbe piacere passare. Resto fiducioso. Vediamo se, avendo rappresentato l’inizio della mia vicenda calcistica, il Milan potrà essere ancora il mio futuro”.

Icardi Spalletti Teun Koopmeiners Matteo Gabbia zaracho Ariedo Braida Ralf Rangnick runic Spalletti Ralf Rangnick Robinson Alexis Saelemaekers Matias Viña Ricardo Rodriguez Bernard Arnault Bernardeschi Januzaj Cengiz Under Elliott David Han Li Arnault Cassano Boban Becir Omeragic Stanislav Lobotka Juan Foyth ranking uefa Casa Milan Demiral Dani Olmo Gazidis

Nel corso dell’intervista, Braida ha parlato anche della sua strepitosa esperienza nel Milan di Berlusconi: “All’inizio eravamo in pochi, Berlusconi organizzò una convention e ci travolse con l’entusiasmo e un programma mozzafiato. Ci disse: “Voglio costruire la squadra di calcio più forte del mondo. Più forte dell’invidia, più forte dell’ingiustizia e più forte della sfortuna”. Toccò le corde giuste, la voglia di fare era al massimo. La parola d’ordine era fare il prima possibile, dando il meglio di noi stessi. Le risorse non mancavano, anzi, non ci mancava proprio nulla, dunque dipendeva tutto dalle nostre capacità”.

Aggiornato il: 26-06-2020