“Mi auguro che Gigio resti al Milan perché è tra i primi tre al mondo”, ha dichiarato Ariedo Braida.

L’ex direttore sportivo del Milan, Ariedo Braida, è stato intervistato dal QS. Ecco le sue dichiarazioni: “Ho ricevuto diverse chiamate da club italiani e anche tre chiamate da club stranieri di cui non faccio i nomi. Del Milan non ho sentito nessuno, questa è la verità. Donnarumma? Mi dice Donnarumma e penso al Milan, il Milan è il Milan. Mi auguro che Gigio resti perché è tra i primi tre al mondo. Raiola fa il suo lavoro. Se hai una Ferrari o una 500 (che a me piace sia chiaro), è diverso. Lui è bravissimo e ha i giocatori migliori, in più è abile a trattare”.

Ariedo Braida
Nella foto: Ariedo Braida

Una considerazione anche su Zlatan Ibrahimovic: “Nessuna sorpresa su di lui, è un campione. In campo è giusto che vadano quelli bravi. Si dice sempre che devono giocare i giovani, ma il lato anagrafico non è indice di bravura. È bravo chi gioca bene, non chi è più giovane. All’estero giocano perché sono bravi. Al Bayern per esempio Jamal Musiala gioca perché è bravo. Donnarumma a che età ha giocato? Era bravo. Ibra ha 40 anni? Sì, ma gioca perché è ancora il più bravo”.

TAG:
Ariedo Braida Donnarumma Ibrahimovic

ultimo aggiornamento: 16-04-2021


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dall’Inghilterra: anche il Milan su Milenkovic

Milan, Mandzukic rinuncia allo stipendio di marzo