Uno studio dimostra che Ibrahimovic sfrutta la sua visione periferica per giocare d’anticipo: riceve palla e sa già che cosa fare.

Il sospetto che non fosse del tutto umano c’era. E di fatto… Sapete qual è il segreto di Zlatan Ibrahimovic? Una visione periferica eccezionale, che gli permette di giocare d’anticipo e battere sul tempo gli avversari. In altre parole: quando riceve palla, Ibra sa già cosa fare.

Ibrahimovic
Nella foto: Ibrahimovic

A raccontarlo alla Gazzetta dello Sport è il professor Geir Jordet, co-fondatore di BeYourBest (azienda di software per l’allenamento di calciatori), che nel 1998 iniziò lo studio filmando giocatori del suo Paese. L’ispirazione gli era venuta da Zidane, il quale riusciva a muovere gli occhi tre volte negli ultimi due secondi prima di ricevere palla. Ed è proprio quello che succede a Ibra: la sua frequenza media di scansione è di 0,5 al secondo. Negli ultimi 10 anni i valori migliori appartengono a Xavi Hernandez (0,83), Cesc Fabregas (0,76), Frank Lampard (0,62), Steven Gerrard (0,61) e Andrea Pirlo (0,58).

TAG:
Ibrahimovic La Gazzetta dello Sport rassegna stampa

ultimo aggiornamento: 27-03-2021


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Gazzetta – Rinnovo alle stesse cifre, Ibra non farà sconti

DAZN novità: un abbonamento 6 dispositivi. Sufficienti 8 megabit