Milan, feste e "like" dopo la batosta di Bergamo: rossoneri nella bufera

Feste e “like” dopo la batosta di Bergamo: rossoneri nella bufera

Gli atteggiamenti di alcuni giocatori del Milan dopo la brutta sconfitta con l’Atalanta ha mandato su tutte le furie i tifosi.

Ci vuole un attimo, sui social, a far scoppiare una bufera. Soprattutto se vai a festeggiare dopo aver perso 5-0 poche ore prima. Chiedere – per credere – ai vari Kessié, Calabria e Leao, finiti nel mirino dei tifosi del Milan dopo la clamorosa disfatta di Bergamo. Colpa – osserva il Corriere della Sera – di “story” o “like” decisamente inopportuni.

Il primo in ordine cronologico ad incendiare il popolo rossonero del web è stato Franck Kessie, il quale, domenica sera, quindi subito dopo la batosta rimediata, ha pensato bene di mettere un “mi piace” a una foto pubblicata dal suo ex compagno, Papu Gomez, per festeggiare la vittoria sui rossoneri. Il “like” è stato poi tolto, ma la frittata era già fatta.

Davide Calabria

È poi toccato all’attaccante Rafael Leao, pizzicato durante una serata in discoteca. Nel video, postato dagli amici del portoghese e poi circolato sui social, si vede lui che beve e fuma. Una “story” che – manco a dirlo – ha scatenato enormi polemiche. “Il video è vecchio”, ha provato a difendersi il giocatore, ma non è così.

Nei “guai” anche Davide Calabria. Dopo la partita di Bergamo, il terzino ha festeggiato il 23esimo compleanno con gli amici in un ristorante. Niente tabacco né alcol, ma l’immagine di lui che canta spensierato (nonostante la scoppola rimediata poco prima sul campo) ha dato molto fastidio ai tifosi milanisti. Niente di grave, sia chiaro. Ma evitabile, questo sì.

Aggiornato il: 24-12-2019