Le parole dell’ex rossonero Antonio Cassano: “Devo la mia vita al Milan. Ibrahimovic? È il miglior giocatore del campionato”.

La Gazzetta dello Sport ha intervistato Antonio Cassano per parlare del derby. Ecco il suo pensiero sul club rossonero: “Al Milan ho vinto uno scudetto bellissimo e una Supercoppa Italiana. Devo la vita a questo club che mi ha strappato alla morte quando ho avuto il problema al cuore: Berlusconi e Galliani mi hanno trattato come un figlio. Con Galliani però in Cina ci litigai di brutto: chiedevo il rinnovo, lui rimandava il discorso, allora chiesi la cessione e andai all’Inter”.

Dicevamo della stracittadina di oggi: “Arriva troppo presto – ha affermato Cassano – siamo alla quarta giornata, c’è il tempo per recuperare. Però chi ha più da perdere è l’Inter. Conte pensavo non rimanesse dopo lo sfogo di fine torneo, evidentemente lo strappo è stato ricucito. Ora non può fallire: deve vincere lo scudetto.”Pioli meritava di restare: ha fatto un gran finale, si è qualificato ai gironi di Europa League con una squadra molto giovane. Rangnick? Cosa ha vinto? Niente… Stefano ha alle spalle una persona preparata come Maldini: serio e capace. Fossi Pioli schiererei il Milan col 4-2-3-1, per mettere in difficoltà l’Inter sulle fasce. Senza Rebic, punterei su Diaz e Saelemekers”.

Ibrahimovic
Nella foto: Zlatan Ibrahimovic

Infine, una considerazione su Ibrahimovic: “Zlatan è il miglior giocatore del campionato: lui è il Milan ma non so se basterà. Lukaku è giovane, bravo e forte, ma non c’è paragone. A 39 anni la forza fisica non basta, serve la qualità e Ibra ne ha tanta: dopo Ronaldo il Fenomeno e Van Basten c’è lui. Le chiavi della sfida? Inter favorita ma Ibra può ribaltare tutto se il Covid non gli ha tolto forza. Il rendimento di Zlatan e Lukaku dipende da come verranno serviti da Lautaro e Chalanoglu”.

TAG:
Antonio Cassano derby Ibrahimovic

ultimo aggiornamento: 17-10-2020


Leao in rampa di lancio: può partire dal primo minuto

Sheva e Seedorf: post social in vista del derby