L’ex portiere rossonero, Marco Amelia, ha parlato della stagione 2011-2012: “Grande rammarico, ma c’era troppo nervosismo”.

Intervenuto su Instagram insieme a Mauro Suma, l’ex portiere del Milan, Marco Amelia, ha parlato della stagione 2011-2012, quella del celebre gol annullato a Sulley Muntari nel corso di una partita contro la Juventus, che poi vinse quello Scudetto in rimonta proprio sui rossoneri: “Il gol di Muntari è quello che risalta maggiormente – ha dichiarato Amelia – però avevamo 7 punti di vantaggio sulla Juve a un certo punto. Eravamo ancora in corsa per la Champions League, passammo il turno contro l’Arsenal. Già lì c’era nervosismo, perché eravamo vicini a vincere il secondo campionato e poi c’era il Barcellona”.

Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

“Avevamo due partite abbordabili in casa contro Fiorentina e Bologna – ha affermato Amelia – e non ne vincemmo neanche una. Abbiamo buttato via quel campionato, forse quelle due partite hanno segnato il futuro del Milan. Probabilmente non sarebbero andati via Thiago Silva e Ibrahimovic e avremmo potuto continuare il percorso che stavamo facendo. Ho grande rammarico soprattutto per la partita con la Fiorentina: il nervosismo era presente in ogni situazione, tutto veniva criticato e questo purtroppo ci ha tolto delle energie mentali. Il nervosismo di tutti era dettato dal fatto che non stessimo raccogliendo risultati. La Juventus continuava a vincere e questo ha influenzato ulteriormente in negativo le cose”.

TAG:
Marco Amelia

ultimo aggiornamento: 17-04-2020


Figc, Gravina: “Chi invoca l’annullamento dei campionati non vuole bene agli italiani”

Milan, tre centravanti diversi in una stagione e mezza: l’attacco resta un problema