Seguici su

Notizie

Albertini: “Il Milan è cresciuto molto e conosce i suoi difetti”

Demetrio Albertini

Intervenuto ai microfoni di ‘Milan Tv’ durante la trasmissione ‘L’inferno del lunedì’, Demetrio Albertini ha rilasciato delle dichiarazioni sul Milan.

Se è giusto pensare partita dopo partita: “Assolutamente sì, nel senso che hai tutto nelle tue mani. Il Milan ha la possibilità di giocare tre finali, sapendo di avere a disposizione un pareggio. Devi giocarti queste chance sapendo che saranno partite difficili. Uno stadio meraviglioso, tutto l’ambiente sarà molto importante”.

Albertini sul punto di forza di questa squadra: “Secondo me è la consapevolezza. E’ stata costruita dal lockdown, la squadra è cresciuta in consapevolezza e conosce i suoi difetti. Difficilmente non viene una partita facile, quindi sono allenati per vincere con fatica una partita fino all’ultimo. Anche domenica ha avuto supremazia in alcuni momenti, con grande concentrazione, sapendo di aver affrontato una squadra che ha giocato una grande partita”.

Se la competitività è scesa: “Io ho fatto un’altra battuta. Ci sono stati diversi momenti dell’anno che la squadra ha perso il treno o si è messa dietro. Speriamo che finisca così perché ci sono tante squadre che in questo momento no è ancora finita. Evitando gli scongiuri, sembravano dei momenti che una squadra potesse vincere una squadra, poi l’altra. Si è scesi non lo so, però oggettivamente ci sono state quattro squadre che potevano ambire fino alla fine, ora solo due. Il Milan in questo momento ha una carta in più”.

Se con alcuni innesti importanti Milan e Inter possano tornare protagonisti in Europa: “Non lo so. In questo momento il calcio italiano ha delle difficoltà a livello internazionale. Negli ultimi anni abbiamo avuto una squadra che ha dominato come la Juventus, ma in semifinale è arrivata la Roma. Negli ultimi dieci anni abbiamo fatto fatica. Il calcio internazionale è molto più rapido del nostro. Però devo dire che il Milan ha fatto un girone difficile e che non meritava di uscire per le prestazioni. Sono mancati i gol come sono mancati in altri momenti della stagione”.

Albertini su Maldini: “No perché quando uno ha vissuto in uno spogliatoio, la cosa principale è conoscere pregi e difetti dello spogliatoio. Ad esempio anche noi abbiamo avuto anni difficili, però anche un grande campione come Paolo si era messo a disposizione per conoscere i suoi compagni. Tante volte ti fa tirare qualcosa in più. Oggi come dirigente quella esperienza se l’è portata dietro la scrivania e apprezza i difetti e le criticità della squadra. Uno che ha giocato sa che la partita finisce al 90esimo, quindi il campionato finisce all’ultima giornata. Maldini non si è mai tirato indietro da giocatore, non lo farà da dirigente”.

Su Tonali: “C’è un momento di difficoltà, di adattamento del giocatore l’anno scorso. Si diceva che lo straniero doveva avere adattamento, mentre un talentuoso italiano non poteva inserirsi in un contesto diverso da quello giocato. Giocare a Brescia o a San Siro sono due cose diverse”.

Sul modo di giocare: “Si, queste sono un po’ valutazioni tattiche. Anche a Coverciano cambiamo la trasformazione di quello che c’è nel nostro calcio. L’influenza e la contaminazione di altro tipo di gioco. Il possesso palla è diventato importante per il calcio moderno, ma è anche vero che devi trovare la forma per rompere le linee. Noi viviamo ancora, tante volte, il tatticismo. La coperta è coperta, poi non riesci a fare qualcosa di perfetto. Il ritmo manca, all’estero è più ricercato. Da noi si fa più lo scarico e si fa possesso palla sterile. Queste sono le visioni che hanno gli allenatori, da fuori sembra facile. Trasferire la propria visione in squadra e vederla trasformarla in idea, in giocate la domenica sia l’obiettivo di ogni allenatore”.

Albertini sui giovani: Io credo che i giovani da una parte hanno la spregiudicatezza, dunque va valorizzata. E’ una delle caratteristiche di questa squadra, in alcuni momenti ha meno malizia però mi dà l’impressione che sia una squadra consapevole dei propri mezzi. Continuiamo a dire che per le prime 12 partite si sono stupite perché non c’era il pubblico. Anche io ho fatto un po’ parte di questo gruppo, ma quest’anno non si può più dire. Il campionato è meritocratico. Se il Milan, in questi due anni ci ha dato delle emozioni domenica dopo domenica, è perché i giocatori se lo sono meritati con un lavoro quotidiano per crescere come squadra e come singoli”.


La redazione di Notizie Milan - giovane, dinamica e indipendente - vive il mondo rossonero 24 ore su 24.
Una passione a 360°, che si fa professione per raccontare in modo libero e scrupoloso le vicende del Diavolo.
Dalle news al calciomercato, dalle partite ai social, da Milanello a San Siro: la nostra missione è tenervi sempre aggiornati.
Perché Notizie Milan c’è, sempre e comunque, che si vinca o che si perda. Per i nostri lettori, per noi che amiamo questi colori.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Notizie Milan su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per scaricare la nostra APP


Primo Chef App


Leggi anche

Milan esulta Milan esulta
Calciomercato3 ore ago

Il Milan a caccia del bomber da 25 gol: i nomi

Nel taccuino di Maldini e Massara tanti nomi per la punta centrale del Milan, loro due sarebbero perfetti per il...

Tifosi Milan Tifosi Milan
Notizie3 ore ago

Abbonamenti Milan, già 20.000 quelli sottoscritti dai tifosi del Diavolo

Sono già 20.000 gli abbonamenti che i tifosi del Milan hanno sottoscritto in vista della prossima stagione. Da campione d’Italia...

Rafael Leao Rafael Leao
Calciomercato3 ore ago

Milan, Leao parla dell’interesse del Real Madrid

L’attaccante del Milan parla dal ritiro del Portogallo dell’interesse nei suoi confronti del Real Madrid. Rafael Leao sarebbe entrato nel...

Gianluigi Donnarumma Gianluigi Donnarumma
Notizie4 ore ago

Milan, Maldini su Donnarumma: “Si è pentito? Non lo so”

Maldini parla dell’addio di Donnarumma e di come è stato scelto il suo successore al Milan, Maignan. Il Milan è...

Mike Maignan Mike Maignan
Notizie4 ore ago

Milan, Buffon esalta Maignan: “E’ un grandissimo portiere”

Il Milan non rimpiange Donnarumma e ascolta gli elogi dell’ex numero della nazionale. Gigi Buffon elogia il club rossonero intervistato...

Sandro Tonali Sandro Tonali
Notizie4 ore ago

Milan, Tonali si tatua la coppa Scudetto sul braccio

Sandro Tonali si regala un ricordo indelebile: la coppa scudetto del suo Milan. Sui social Tonali continua a far parlare...

Gordon Singer Gordon Singer
Notizie4 ore ago

Milan-Redbird: le ultime sulla trattativa

I prossimi giorni saranno decisivi per chiudere il passaggio del club rossonero al fondo americano. Dopo la notizia dell’abbandono del...

Nicolo Zaniolo Nicolo Zaniolo
Calciomercato4 ore ago

Mercato Milan: loro tre i candidati per la fascia destra

Il Milan sta sondando il terreno con vari profili per rinforzare la fascia destra per il prossimo anno. Per la...

Maglia Milan 2022 Maglia Milan 2022
Calciomercato4 ore ago

Mercato: il giocatore aspetta il Milan

L’attaccante non ha deciso ancora il suo futuro ma se il Milan facesse un’offerta concreta potrebbe scegliere il Diavolo. Andrea...

Alessio Romagnoli Alessio Romagnoli
Calciomercato4 ore ago

Mercato, Romagnoli-Lazio: fase di stallo nella trattativa

Il giocatore del Milan , in scadenza a giugno, non ha ancora trovato l’accordo definitivo con la Lazio. La trattativa...

Gazidis Massara e Maldini Gazidis Massara e Maldini
Calciomercato5 ore ago

Mercato: attento Milan, rischi di perdere l’obiettivo

La società inglese ha fatto un grosso rilancio che rischia di far perdere al Milan il suo obiettivo. Il Milan...

Rafael Leao Rafael Leao
Calciomercato5 ore ago

Per il Milan Leao è incedibile, confermata la clausola da 150 milioni

La clausola nel contratto di Leao è stata confermata dallo stesso Maldini che ha dichiarato come sia incedibile per il...


   Guarda Video

Più letti