Intervista del Messaggero Veneto allo storico dirigente rossonero, Adriano Galliani: “Un grande giocatore, ci piaceva tanto. Zaccheroni? Un’idea tutta mia”.

Intervistato dal Messaggero Veneto, l’ex amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, parlando del suo rapporto con il patron dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, ha raccontato un preciso retroscena di mercato legato a Zielinski. “Nel 2016 abbiamo fatto il possibile per portarlo in rossonero – ha dichiarato – ma dalla stagione prima non eravamo più liberi di fare mercato e alla fine il ragazzo andò a Napoli. Zielinski, però, era un giocatore che ci piaceva tantissimo”.

Emerson de Souza Scamacca Tassotti Kristoffer Ajer Gazidis Jeremy Toljan Zaracho Baresi Kakà Alexis Saelemaekers florentino luis Brescia-Milan Borini Adnan Januzaj Andrea Conti Wesley Fofana Asmir Begovic Bentaleb Ibrahimovic Rebic Lobotka Ibrahimovic Jovic Bennacer Todibo Leonardo Mariano Diaz Caldara Rafael Leao Casa Milan Camavinga Caldara Dani Olmo

Nel corso dell’intervista, Galliani ha parlato anche dell’esperienza al Milan di Alberto Zaccheroni: “Fu una idea tutta mia. Noi qualche anno prima puntammo su un allenatore, Sacchi, che non aveva mai allenato in A. Detto che non ci siamo mai fatti condizionare dal curriculum, Alberto aveva fatto molto bene con l’Udinese portandola al terzo posto e a me piaceva da matti come giocavano i bianconeri”. E fu subito Scudetto: “Eravamo reduci dalle due stagioni peggiori della gestione Berlusconi: un decimo e un undicesimo posto con Sacchi e Capello in panchina. Braida mi disse che Zac aveva già firmato con un’altra squadra, alzai il telefono e chiamai Alberto: era libero e trovammo l’accordo in poco tempo”.

Galliani ha poi speso parole d’elogio per Braida: “Ariedo lo conosco da novembre del ‘75 quando lo scambiammo nel mercato con Peressin che andò al Palermo e lui venne al Monza. Un mese dopo venimmo a vincere a Udine per 1-0, si giocava ancora al Moretti. A fine stagione fummo promossi in B. Ariedo, terminata la carriera nel Sant’Angelo Lodigiani, venne a fare il ds al Monza, nel 1984 lavorò all’Udinese, poi quando Berlusconi prese il Milan mi raggiunge in rossonero. Il presidente voleva Italo Allodi come ds e mi ripeteva sempre: “Ariedo? Ma Ariedo chi?”. Alla fine la spuntai io. Braida ha fatto un lavoro straordinario, ha portato tanti campioni al Milan. Lo considero come un fratello”.

TAG:
Adriano Galliani Alberto Zaccheroni Ariedo Braida Zielinski

ultimo aggiornamento: 24-05-2020


Milan, la rivoluzione di Rangnick: ecco il suo “esercito” di collaboratori

Bakayoko, nostalgia Milan: ma l’ingaggio è troppo alto