Intervista di Diego Abatantuono sul Milan al quotidiano Tuttosport.

Queste sono le parole di Diego Abatantuono al quotidiano Tuttosport, partendo dal derby di Coppa Italia perso dal Milan: “Intanto ci mancavano sei titolari, poi per colpa di quella testa di cavolo di Ibra, siamo rimasti in inferiorità numerica, e a quel punto, è normale che come coprivi il campo prima, poi non è stato più possibile – dichiara al giornale Tuttosport – Anche in quell’occasione, Pioli è stato bravo negli innesti, ma c’è da dire una cosa ben chiara: noi non siamo l’Inter, non abbiamo il loro organico e la nostra panchina è troppo corta, mentre Conte ha a disposizione un gruppo da paura”.

esultanza Milan

Il Milan ha preso rinforzi importantissimi con TomoriMandzukic e Meite: “Sì d’accordo, ci saremo anche rafforzati in alcuni reparti, però ciò che intendo io, quando si parla di rafforzare una squadra, mi riferisco all’acquisto di grandi nomi, giocatori eccellenti, a cui tutte le squadre fanno il filo. Con tutto il rispetto per i nostri nuovi giocatori si intende, però al Milan, manca ancora una presenza predominante”.

Perché Ibrahimovic non le basta? “Ibra è uno dei giocatori più forti che ci siano nel panorama calcistico. Su questo non ho dubbi. Però, come sa, fino ad ora per un motivo o l’altro, non ha giocato sempre, e anche quando lui non c’era, il Milan comunque ha disputato buone gare e anche vinto. Insomma, ciò che intendo, è che se la società acquistasse un altro fuoriclasse, allora potremo pensare, concretamente in grande. Il problema, lo ripeto, rimane la panchina troppo risicata, e noi, dall’inizio dell’anno fra Covid e infortuni, non siamo mai riusciti a giocare con la formazione titolare”.

TAG:
Diego Abbatantuono

ultimo aggiornamento: 06-02-2021


Milan, Leao-Rebic in ballottaggio: avanti il portoghese

Il Milan inaugura “The Studios”